Rivelazione di Incendio - AM ELETTRONICA SISTEMI

Vai ai contenuti

Rivelazione di Incendio


RIVELAZIONE DI INCENDIO                            SISTEMI CONVENZIONALI

Impianti di rivelazione di incendio convenzionali


In questo tipo di impianto la centrale di controllo è in grado di distinguere solo se l'incendio si è sviluppato in una certa zona (nella quale è installato un gruppo di rivelatori), ma non permette di distinguere con precisione quale rivelatore ha fatto scattare l'allarme incendio. La mancata individuazione singola dei rivelatori, rende adatto questo tipo di impianto soprattutto per ambienti e locali di piccole dimensioni, dove questa carenza non è particolarmente sentita.
La struttura dell'impianto è la seguente (Figura 11): dalla centrale di controllo partono due o più linee bifilari. Ognuna di queste linee deve essere dedicata esclusivamente ad una certa tipologia di componenti; quindi una linea per i rivelatori (in numero non superiore a 32), una linea per i punti di allarme manuale, una linea per gli avvisatori ottico-acustici, e così via. Ma non basta, infatti la norma UNI 9795 permette che rivelatori aventi un principio differente (fumo, calore, fiamma) possano essere posti sulla stessa linea solo a patto che siano singolarmente distinguibili dalla centrale. Ma questo non è possibile per gli impianti a gruppo, i quali allora possono avere linee costituite solo da rivelatori omogenei fra loro (una linea solo con rivelatori di fumo, una linea con solo rivelatori di calore, etc.) anche se è possibile mischiare le tecnologie di rilevazione, cioè sulla stessa linea porre, ad esempio, rivelatori di fumo puntiformi e rivelatori di fumo lineari.
Al termine di ciascuna delle linee collegate alla centrale, è posta una resistenza, al fine di bilanciare l'assorbimento di corrente delle linee stesse. Infatti il meccanismo di rilevazione di gruppo è basato sul seguente principio: in caso di allarme di uno o più rivelatori, aumenta notevolmente l'assorbimento di corrente da parte di essi (mentre in condizioni normali è quasi nullo); questo aumento viene sentito dalla centrale di controllo la quale provvede ad innescare l'allarme.
La separazione fra le linee con i rivelatori automatici e quelle con i pulsanti manuali, va nell'ottica di non influenzare il rilevamento automatico con quello manuale e anche per poter gestire anche in modo differente, da parte della centrale, i due allarmi che potrebbero richiedere procedure diverse.
Il bilanciamento di ogni linea tramite resistenza finale, deve essere tale da poter individuare sia il cortocircuito, sia l'interruzione della linea e sia la rimozione di uno più dispositivi collegati alla linea (rivelatori, pulsanti, etc.), inviando una specifica segnalazione di guasto alla centrale di controllo.
Rivelazione di Intrusione
Protezione interna
Protezione esterna
Protezione via radio
Integrazione Alexa
Interfaccia KNX


incendio
Rivelazione di Intrusione
Protezione esterna
Protezione via radio
Integrazione Alexa
Interfaccia KNX


Rivelazione di Intrusione
Protezione interna
Protezione esterna
Protezione via radio
Integrazione Alexa
Interfaccia KNX


Rivelazione di Intrusione
Protezione interna
Protezione esterna
Protezione via radio
Integrazione Alexa
Interfaccia KNX


Rivelazione di Intrusione
Protezione interna
Protezione esterna
Protezione via radio
Integrazione Alexa
Interfaccia KNX


Rivelazione di Intrusione
Protezione interna
Protezione esterna
Protezione via radio
Integrazione Alexa
Interfaccia KNX


QUE PAT NOMINAE

Nemo enim ipsam voluptatem quia voluptas sit aspernatur aut odit aut fugit, sed quia consequuntur magni dolores eos qui ratione voluptatem sequi nesciunt. Neque porro quisquam est, qui dolorem ipsum quia dolor sit amet, consectetur
A.M. ELETTRONICA SISTEMI
DI SEPE MAURIZIO
P.IVA  07239210631
REA NA-602094

Via Antonio Gramsci, 15
80010  Quarto (Na))
+39 081 19034113
info@amelettronica.com

Richieste Info:    * Campi obbligatori
Torna ai contenuti